fonte foto: Luca Franzese

La Regione Calabria approva la legge sul Soccorso Alpino

Venerdì 27 gennaio scorso, a Reggio Calabria, il Consiglio regionale ha approvato all'unanimità la proposta di legge regionale sul riconoscimento e potenziamento del Soccorso Alpino in regione: dopo diciotto anni, il Sasc ha dunque la legittimazione ufficiale

Venerdì 27 gennaio scorso, a Reggio Calabria, il Consiglio regionale della Calabria ha approvato all'unanimità la proposta di legge regionale sul riconoscimento e potenziamento del Soccorso Alpino in regione. Un fatto storico, per la Calabria ma anche per tutto il centro sud Italia. Dopo diciotto anni, dalla data della nascita in Calabria del Soccorso Alpino e Speleologico, la Regione ha voluto riconoscere l'altissimo valore dei tecnici del Soccorso Alpino calabrese, sia in termini operativi, centinaia sono le vite salvate in montagna in questi anni, sia in termini di struttura operativa di Protezione Civile, non da ultimo l'intervento in Abruzzo di due squadre del SASC.

La speranza dei volontari e di quanti credono nell'operato dei soccorritori è che questo passo costituisca un esempio per tante regioni, nel centro sud, ancora sprovviste di questo riconoscimento ufficiale. Promotori di questo iter sono stati, in particolare, il consigliere Giuseppe Giudiceandrea, il quale ha da subito sposato la "causa" Soccorso Alpino, presentando nel 2015 la proposta di legge, oggi divenuta legge della Calabria, il Presidente della quarta Commissione consiliare, Domenico Bevacqua, che ha calendarizzato i lavori della Commissione approvando anche degli emendamenti migliorativi del testo, e il Presidente della Seconda Commissione Bilancio, Giuseppe Aieta, che è risultato determinante per l'approvazione della proposta nella propria commissione. Ma va ricordato anche Nicola Irto, Presidente del Consiglio regionale, che si è speso perché i tempi previsti venissero rispettati.

Da questo momento in poi il Servizio sanitario calabrese dovrà, per legge, anche in Calabria, avere quale riferimento esclusivo il Soccorso Alpino per gli interventi sanitari in montagna, in grotta o in ambienti impervi. E la Regione Calabria provvederà a rimborsare le spese dei volontari del Soccorso Alpino per gli interventi di soccorso o per la loro formazione, che sino a oggi venivano sostenute personalmente dai volontari. Da oggi, la Regione Calabria sosterrà il Soccorso Alpino calabrese per l'acquisto dei materiali e dei mezzi di soccorso.

red/lg

(Fonte: Luca Franzese)


(Nella foto, il Presidente del Consiglio, Irto, con Giudiceandrea e Bevacqua, insieme al Presidente regionale del Soccorso Alpino Calabria e alcuni rappresentanti delle Stazioni di Soccorso Alpino calabrese, subito dopo l'approvazione della Legge)