Ricostruzione terremoto: spese fuori dai vincoli Ue? Merkel: "Troveremo soluzione"

Vertice Italia-Germania a Maranello: oltre a un Ferrari messa all’asta (un milione di base) e alla promessa di Angela Merkel di finanzierà la costruzione di una scuola, emerge  la via possibilista dell’Ue per superare i vincoli sui finanziamenti europei

"L'Italia presenterà un progetto in maniera trasparente e credo che in Europa troveremo una soluzione sensata" ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel al termine del vertice Italia-Germania. Sulla ricostruzione l'intesa pare ci sia. D’altronde le regole sono chiare: le spese legate ai territori colpiti dal sisma e varati nei tempi previsti "sono fuori dai vincoli europei". Sul più ampio progetto di "Casa Italia", il programma di messa in sicurezza dell'intero territorio italiano da ogni tipo di rischio idrogeologico, si vedrà in seguito, quando il piano sarà stato messo nero su bianco e comunque ricorrendo alle regole europee già previste.
Il punto certo che emerge dalla conferenza stampa congiunta di Matteo Renzi e Angela Merkel è invece la nomina di Vasco Errani a commissario per la ricostruzione, annunciato stamani. Renzi e Merkel, a Maranello in occasione del bilaterale italo-tedesco, si sono scambiati attestati di stima e ringraziamenti. La cancelliera si dice "sicurissima" che si troverà una "soluzione sensata e ragionevole" per la flessibilità da concedere all'Italia per la ricostruzione.
Intanto la Germania finanzierà la costruzione di una scuola in un comune del Centro Italia colpito dal sisma. "Vorremmo finanziare la costruzione di una scuola, come governo tedesco daremo un contributo” ha detto Angela Merkel. “Ma la cosa positiva è che contribuiranno agli aiuti anche gli imprenditori tedeschi, oltre che l'industria italiana, forse il calcio italiano e tedesco in occasione di una partita, per fare vedere che c'è un'ampia partecipazione a livello di società civile". La cancelliera tedesca ha anche elogiato i soccorritori italiani, che "hanno lavorato in maniera eccellente, molto rapida e professionale, compreso naturalmente il cane Leo. Vogliamo parlare con il Governo italiano e la gente sul posto per scegliere la scuola giusta”.
D’altra parte la stampa tedesca dedica spazio alle elezioni in Meclemburgo di domenica prossima e al bilancio di un anno di politica sui migranti, ma non al vertice Italia-Germania che si è svolto in casa Ferrari (che ha messo all'asta una sua auto con una base di un milione di euro).

red/gt