fonte: Cnsas Sicilia

Cnsas Sicilia, simulato incidente in grotta sull'Etna dopo un terremoto

La simulazione ha previsto anche il recupero di feriti, anche gravi

L'11 novembre il soccorso alpino e speleologico siciliano è stato coinvolto nella simulazione di un incidente in una grotta sull’Etna (grotta della catanese -CT-). In seguito a un terremoto di magnitudo 5.5 della scala Richter, una scolaresca di 30 persone rimane bloccato in grotta. Dopo l'attivazione del CNSAS tramite 118, giungono in loco 14 tecnici del soccorso Speleologico i quali, una volta raggiunti e individuati i feriti, iniziano le manovre per portare fuori quest'ultimi. La simulazioni ha previsto 3 codici rossi e 3 codici gialli. I tecnici hanno provveduto a prestare il primo soccorso medicalizzato e a portare fuori con la barella speleologica i feriti. Fuori dalla grotta, due squadre di tecnici alpini del CNSAS e di tecnici alpini del SaGF prendevano in consegna i feriti che una volta trasportati nella tenda montata dal Cnsas, che fungeva da postazione medica avanzata, venivano consegnati al personale medico del 118. Presente anche la Polizia di stato.

red/mn

(fonte: Cnsas Sicilia)