Conclusa la XIII edizione del Campo Scuola di ProCiv Vol.To

Dall'allestimento della tendopoli al salvataggio in acqua, passando per lo spegnimento di incendi boschivi: sono stati oltre 250 volontari ad esercitarsi per prepararsi ad affrontare possibili emergenze future

La 13ª edizione del Campo Scuola di Protezione Civile, denominata Esercitazione Montana Valsangone 2024, svoltasi a Giaveno e Avigliana dal 22 al 27 maggio 2024, si è conclusa con successo. Questo evento, che ha segnato il culmine di 16 anni di intensa collaborazione tra le componenti del sistema di Protezione Civile, è stato guidato ancora una volta dal consolidato impegno della Commissione Protezione Civile del Centro Servizi per il Volontariato Vol.To di Torino.



La tredicesima edizione del Campo Scuola ha offerto un'importante opportunità per esplorare il tema urgente dei cambiamenti climatici e il loro impatto sugli interventi di Protezione Civile. Durante le lezioni, sono state esplorate le cause, gli effetti e la logistica degli interventi in scenari come le colate detritiche, le alluvioni, le frane, le ondate di calore, gli incendi boschivi e le tempeste di vento, con uno sguardo attento alla gestione del rischio in risposta proprio agli effetti della crisi climatica. La partecipazione attiva di varie specializzazioni del volontariato, enti istituzionali e forze dell'ordine ha reso questa edizione un'occasione eccezionale per prepararsi ad affrontare le possibili emergenze future. All'evento hanno partecipato oltre 250 volontari di 18 associazioni aderenti alla Commissione Volontariato e Protezione Civile del Centro Servizi Vol.To ETS nonché quelle del territorio e circa 200 studenti, coinvolti in un grande momento di incontro con i volontari tenutosi nella mattinata di venerdì 24 maggio. 



I droni e l'antisciacallaggio
Le operazioni della 13ª edizione del Campo Scuola di Protezione Civile sono cominciate con l'arrivo della colonna mobile, un'imponente carovana di circa cinquanta veicoli, più tre motocicli, partiti da Avigliana diretti verso Giaveno. Una volta arrivati, i volontari hanno immediatamente condotto un briefing iniziale, per poi procedere con l'allestimento della tendopoli, installando le strutture abitative temporanee e le necessarie linee elettriche. I corsi, condotti anche da esperti dell'Agenzia Regionale Protezione Ambientale e funzionari della Regione Piemonte, climatologi della Società Meteorologica Italiana e dalla Croce Rossa hanno suscitato così tanto interesse da richiedere un'estensione degli orari previsti. Tra i momenti più spettacolari dell'evento, senz'altro l'utilizzo di droni e di un elicottero, che hanno evidenziato l'efficacia delle moderne tecnologie applicate al soccorso. Inoltre, la Polizia Locale di Giaveno ha partecipato alle operazioni di evacuazione durante l'esercitazione antincendio boschivo, eseguendo per la prima volta una simulazione di arresto durante l'attività antisciacallaggio, introducendo questa attività come una novità assoluta nel programma del Campo Scuola. La mattina di domenica è stato effettuato un intervento di manutenzione ambientale e rimozione piante pericolanti lungo un torrente che ha coinvolto oltre 40 volontari armati di motoseghe e attrezzature forestali. In conclusione dell'evento, sono stati consegnati gli attestati di partecipazione a tutti i volontari coinvolti, riconoscendo il loro impegno e la loro dedizione alla formazione in ambito di protezione civile. 



Rafforzare legame tra comunità
Il Campo Scuola rappresenta un metodo consolidato per favorire la collaborazione tra le diverse componenti afferenti alla Commissione di Protezione Civile, all'interno del Centro Servizi per il Volontariato Vol.To ETS. L'obiettivo è stato quello di creare una rete tra ETS ODV, tutti inclusi e accreditati nel sistema di protezione civile a livello Metropolitano/Regionale/Nazionale, al fine di potenziare l'operato di ciascun partecipante. L'iniziativa è nata da una forte domanda dei volontari stessi, ma nel corso degli anni ha saputo coinvolgere anche tutti i soggetti istituzionali e i Corpi dello Stato, trasformando questo evento in un'importante opportunità per creare sinergie. Il grande coinvolgimento della comunità locale nelle attività del Campo Scuola Montana Valsangone 2024 è stato poi dimostrato dalla notevole partecipazione e interesse mostrati. Questo coinvolgimento ha non solo rafforzato il legame tra i volontari e la comunità locale, ma ha anche migliorato la consapevolezza e la comprensione delle operazioni di possibile intervento, evidenziando la necessità di preparazione e collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti.

Le associazioni che hanno preso parte all' “Esercitazione Montana Valsangone 2024” sono state:
1. Associazione Nazionale Polizia di Stato Ivrea/Torino Protezione Civile ODV
2. A.F.P. Val di Susa ODV
3. Associazione Fuoristradistica Piemontese – Delegazione COM Moncalieri ODV
4. Squadra AIB e PC di Sant' Antonino di Susa ODV
5. Squadra AIB e PC di Vaie ODV
6. Squadra AIB e PC di Villarfocchiardo ODV
7. PRO.CIVI.CO.S. Torino ODV
8. Croce Giallo Azzurra Torino ODV
9. BIOS Volvera ODV
10. Nucleo Sommozzatori “Lorenzo Cravanzola” Protezione Civile Torino
11. Volontari ANFI ODV – Torino
12. Croce Rossa Italiana – Comitato di Giaveno
13. Associazione Nazionale Alpini – Giaveno/Valgioie
14. Forum di Protezione Civile Valsangone
15. Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile Trana
16. Coordinamento Territoriale del Volontariato di Protezione Civile di Torino
17. Coordinamento Regionale Del Volontariato Di Protezione Civile Del Piemonte
18. SOSmontagna

Foto e testo: Vol.To 

Ilgiornaledellaprotezionecivile.it dedica la sezione "Dalle associazioni" alle associazioni o singoli volontari che desiderino far conoscere le proprie attività. I resoconti/comunicati stampa/racconti pubblicati in questa sezione pervengono alla Redazione direttamente dalle Associazioni o dai singoli volontari e vengono pertanto pubblicati con l'indicazione del nome di chi ha inviato lo scritto, che se ne assume la piena responsabilità sia per quanto riguarda i testi sia per le immagini/foto inviate