Il ritorno dei grandi carnivori sulle Alpi, dibattito pubblico a Bolzano

Il CAI organizza "Orsi e lupi, la sfida sociale di un ritorno", un convegno che mira a ridurre scetticismo e ostilità

Orsi e lupi, la sfida sociale di un ritorno” è il titolo del convegno in programma sabato 27 ottobre al Centro congressi Fiera di Bolzano (via Bruno Buozzi, 35, ore 8.30-13, ingresso libero), nel quale il Club Alpino Italiano affronterà, con il consueto approccio moderato e aperto al confronto, la delicata questione del ritorno dei grandi carnivori nelle Alpi.

Il capoluogo alto atesino è stato scelto in quanto centro di un territorio “caldo” , poco propenso ad accettaare tali presenze, come ne è testimone anche la recente polemica sull’abbattimento dei grandi carnivori.

Diversi i temi che saranno affrontati: dalle iniziative messe in atto per contribuire all’instaurarsi di una complessa ma possibile convivenza con lupi e orsi portate avanti dalle associazioni alpinistiche alle loro motivazioni, dai conflitti con le attività umane alle azioni da intraprendere per minimizzarli, fino ad arrivare ai comportamenti da tenere in caso di incontro ravvicinato.

“Questa giornata intende continuare nel solco di quanto finora fatto con passione ed impegno come Gruppo Grandi Carnivori del CAI in tutto il territorio italiano, in particolare in quello alpino”, afferma il coordinatore Davide Berton, che sottolinea come “l’opera di sensibilizzazione e di mediazione del nostro Sodalizio è ancora più importante e necessaria in zone dove lo scetticismo e l'ostilità verso orsi e lupi è forte. Allarmismi infondati o visioni stereotipate, ideologizzate e ancor peggio politiche messi in campo sia da chi è favorevole che da chi è contrario a queste presenze non possono portare a nulla, se non all'allargamento delle distanze tra visioni diverse, senza risolvere nessuna delle reali problematiche in campo”.

Il Gruppo Grandi Carnivori ribadisce perciò la necessità di un approccio basato su dati scientifici e che coinvolga tutti i portatori d'interesse, per arrivare a una reale coesistenza. “Speriamo davvero sia un'occasione importante per riportare il dibattito, oggi molto acceso, nei binari giusti, quelli del dialogo costruttivo, non urlato e nemmeno distorto in base a situazioni di comodo”, conclude Berton.

L’appuntamento è organizzato da CAI Alto Adige, AVS (Alpenverein Südtirol) e SAT (Società degli Alpinisti Tridentini).

red/gp

(Fonte: CAI)