"Jump 2018: il futuro è ora!": migliaia di volontari CRI si incontrano a Roma

Torna a Roma "Jump", il grande evento della Croce Rossa per immaginare la società del futuro: dal 30 novembre al 2 dicembre incontri, workshop e REDx con alcune delle personalità più influenti

Migliaia di volontari della Croce Rossa provenienti da tutta Italia si ritroveranno a Roma, dal 30 novembre al 2 dicembre nel prestigioso Palazzo dei Congressi dell'EUR, per dare vita a "Jump 2018: il futuro è ora!". Una tre giorni di incontri e iniziative per immaginare la società del domani e le strategie di sviluppo e risposta alle vecchie e nuove sfide.
Jump 2018 sarà l'occasione per ascoltare le esperienze dei numerosi ospiti che si succederanno durante tutto l'evento e che, nel loro campo, hanno ottenuto risultati e superato ostacoli che altri ritenevano impossibili, come Maud Chifamba, la studentessa dello Zimbabwe inserita da Forbes tra le 5 donne più influenti dell'Africa, attiva nella battaglia per l'educazione delle ragazze provenienti dalle zone più svantaggiate del globo. Tra i tanti ospiti di Jump anche il chirurgo Adriana Bonifacino, impegnata nella lotta al tumore al seno e fondatrice di ‘IncontraDonna Onlus'; il rappresentante dell'UNHCR per il Sud Europa Felipe Camargo; Riccardo Tozzi, fondatore di Cattleya, la più importante società di produzione cinematografica e televisiva indipendente; Matteo Flora, imprenditore, consulente ed esperto di Reputazione Online.

Dopo la cerimonia inaugurale di venerdì 30 novembre alle 15, con il benvenuto ai partecipanti e gli interventi di esponenti del mondo delle Istituzioni, la giornata di sabato sarà dedicata ai REDx, angoli di approfondimento ideati sulla scorta del metodo lanciato dai TEDx, in cui personalità provenienti dal mondo delle nuove tecnologie, del sociale, delle emergenze e della migrazione si alterneranno nel raccontare le sfide di oggi e del futuro, delineando visioni e obiettivi in campi d'azione vicini alla CRI. A seguire, attraverso workshop formativi i partecipanti potranno acquisire e mettere in pratica proposte e strategie di intervento per "curare il presente e nutrire il futuro", con l'obiettivo di una risposta sempre più efficace di fronte alla trasformazione della società e dei suoi bisogni.
"In un momento importante di crescita ed evoluzione della nostra Società Nazionale - afferma il Presidente della Croce Rossa Italiana Francesco Rocca - Jump è una parte fondamentale del percorso di sviluppo intrapreso dalla CRI volto al rafforzamento delle capacità di prevenire, gestire e rispondere adeguatamente alle vulnerabilità che minacciano la sicurezza, la salute e il benessere delle persone: nuove sfide e opportunità che l'Associazione deve raccogliere per essere al passo con i tempi e perseguire al meglio la propria mission".


red/pc