@Ludovica Galeazzi

Festivalmeteorologia, Borrelli: "A breve nuovo sistema per le allerte: arriveranno direttamente su tutti i cellulari"

Nella prima giornata del Festivalmeteorologia il Capo del Dipartimento della Protezione Civile ha parlato di un nuovo sistema, IT-Alert, che informerà i cittadini sulle allerte della Protezione Civile attraverso soluzioni cell broadcast

Tra un anno, un anno e mezzo, inizieranno i test di un nuovo sistema nazionale per comunicare le allerte di Protezione Civile. Il funzionamento di IT-Alert, questo il suo nome, è stato illustrato dal Capo del Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli, durante la prima giornata del Festivalmeteorologia, in corso a Rovereto.

"L'idea è quella di rendere operativa una piattaforma nazionale che sfrutti soluzioni cell broadcast. Saranno utilizzate le celle telefoniche per inviare brevi messaggi di testo con l'allerta per rischio idrogeologico, idraulico, di maremoto, ecc a tutti dispositivi in una certa area geografica. Il sistema prevede anche un'applicazione che, attraverso il sistema di geolocalizzazione, fornisca informazioni personalizzate in base al punto fisico in cui si trova il cittadino. Così chi riceverà l'allerta potrà verificare direttamente sull'app quali rischi corre, in particolare, nella sua zona. Per fare questo serve che tutti i Comuni si dotino di piani di protezione civile - nei quali sono esposti i rischi per i territori - e che questi siano condivisi su piattaforma WebGIS e costantemente aggiornati". IT-Alert sarà a supporto del sistema di allertamento per diverse tipologie di rischio, si affiancherà ai sistemi già implementati da Regioni e Comuni, si attiverà nell'imminenza dei pericoli, arriverà alla popolazione esposta a rischio e sarà scalata per le necessità di tutte le componenti del sistema.



"Da agosto a novembre - ha detto Borrello - 45 persone sono morte a causa del maltempo in Italia. Abbiano visto morire persone anche con allerta gialla o arancione. Allora, mi sono chiesto se questo sistema di allertamento è ancora efficace. Ho capito che dobbiamo mettere in piedi un sistema che arrivi direttamente al cittadino in modo completamente automatizzato".

Il Capo Dipartimento ha spiegato quale sia la portata di questa innovazione: "Voglio che chi vive in una certa area e si può trovare in pericolo sia immediatamente informato. Addirittura, si potrebbe arrivare ad accendere il telefonino e farlo squillare per avvertire il cittadino".