Etna (fonte: Pixabay)

I vulcani tra maestosità e pericoli, l'INGV realizza 14 video divulgativi

Dall'Etna ai Campi Flegrei, da Stromboli al Vesuvio, l'obiettivo è quello di creare una società consapevole

Vulcani: sfiatatoio per i respiri della Terra, polmoni vivi della natura. Per raccontarne tutti i segreti, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha realizzato 14 videoclip sui vulcani e sul loro impatto sul territorio, tra maestosità e pericoli. Tra immagini sensazionali e dati scientifici, i video saranno disponibili sul profilo Youtube dell’INGV dal 18 dicembre – raccontati dalla voce magistrale di Leo Gullotta, che ha aderito con entusiasmo al progetto.

Si è svolta ieri mattina, presso il Liceo Classico “Ennio Quirino Visconti” di Roma, la presentazione dei video sono stati girati nell’ambito del progetto internazionale VolFilm, finanziato dalla Banca Mondiale e patrocinato dall’Associazione Internazionale di Vulcanologia e Chimica dell’Interno della Terra (IAVCEI). “L'INGV ha tra le sue missioni quella della divulgazione dei rischi e delle risorse naturali” ha spiegato Carlo Doglioni, Presidente dell’Istituto. Una divulgazione attenta, appassionante, che riesce a setacciare l’immensa conoscenza a disposizione dell’INGV per un pubblico più vasto possibile. Apprezzare l’ambiente, difendere l’ambiente e difendersi dall’ambiente può essere fatto solo così: attraverso la comunicazione.

Oltre agli studenti del liceo Visconti, hanno partecipato all’evento lo stesso Presidente INGV Carlo Doglioni, il Direttore Generale INGV Maria Siclari, Italo Giulivo del Dipartimento di Protezione Civile (DPC), il Presidente dell'Associazione Italiana di Vulcanologia (AIV) Guido Giordano, il Segretario Generale IAVCEI Roberto Sulpizio e il Direttore del Dipartimento Vulcani dell’INGV Augusto Neri.

I vulcani sono l’espressione del respiro della Terra, sono elementi vivi della natura e rialimentano l’atmosfera – ha detto ancora Carlo Doglionima sono anche fonte di grande pericolo: conoscerli è il primo passo per difenderci. La produzione di video di grande impatto visivo è diretta a rappresentare con la forza delle immagini i vari aspetti dell'attività dei vulcani, affinché la loro bellezza diventi non solo ammirazione della forza della natura, ma stimolo a costruire una società resiliente di cittadini consapevoli”.

La versione in italiano del progetto Volfilm, che si aggiunge alle altre lingue tra cui l’inglese, il francese, lo spagnolo e l’indonesiano, è stata curata dall’INGV con la collaborazione di una voce narrante d’eccezione, il Maestro Leo Gullotta, attore e doppiatore catanese che ha aderito al progetto a titolo gratuito.

L'Italia è una delle nazioni maggiormente esposte al rischio vulcanico” sottolinea Augusto Neri, curatore del progetto per l’INGV insieme ai colleghi Daniele Andronico e Micol Todesco. “I vulcani italiani, in particolare quelli campani, Vesuvio e Campi Flegrei, costituiscono un potenziale pericolo per milioni di persone e quelli siciliani, Etna e Stromboli,  sono tra i più attivi al mondo. L'obiettivo del progetto è quello di favorire, a livello globale, una migliore comprensione dei fenomeni vulcanici da parte delle popolazioni esposte, in modo da accrescere la conoscenza del rischio vulcanico, soprattutto nelle aree dove tale rischio è più alto o dove manca una memoria storica degli effetti delle eruzioni”.

red/gp

(Fonte: INGV)