Modifiche al Codice di protezione civile, CdM approva decreto legislativo

L'approvazione del provvedimento comporta una semplificazione della normativa e delle procedure amministrative previste durante la fase di emergenza e di superamento dell’emergenza

Nell'ultimo giorno disponibile per esercitare la delega legislativa, ieri, il Consiglio dei Ministri, ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo che introduce disposizioni integrative e correttive del Codice della protezione civile.

Il testo opera una semplificazione della normativa e delle procedure amministrative previste durante la fase di emergenza e di superamento dell’emergenza in caso di eventi calamitosi.

Inoltre, si interviene in modo da realizzare:

  • un migliore scambio informativo negli eventi emergenziali fra tutti gli enti locali;
  • una più corretta determinazione degli “ambiti territoriali e organizzativi ottimali” per assicurare lo svolgimento delle attività di protezione civile e un efficace coordinamento a ciascun livello territoriale, nel rispetto della funzione di coordinamento generale in capo al Dipartimento della protezione civile;
  • il potenziamento dei sistemi di allertamento;
  • la puntuale definizione delle modalità di organizzazione e svolgimento dell’attività di pianificazione di protezione civile;
  • il potenziamento delle misure finalizzate ad assicurare la continuità amministrativa.
  • Infine, le disposizioni definiscono in modo più puntuale le responsabilità nell’ambito del Servizio nazionale della protezione civile e adeguano l’ordinamento agli obblighi relativi all’appartenenza del Servizio al Meccanismo di protezione civile dell’Unione europea.
Il testo tiene conto delle condizioni espresse in sede di intesa della Conferenza unificata e dei pareri espressi dal Consiglio di Stato e dalle competenti Commissioni parlamentari.

red/mn

(fonte: Palazzo Chigi)