Parte la campagna "Segnala la frana" di ISPRA e Consiglio Nazionale Geologi

L'iniziativa nasce nell’ambito della nuova piattaforma nazionale #IdroGEO sul dissesto idrogeologico. I geologi possono fruire del patrimonio di dati presenti e partecipare all’attività di segnalazione di nuove frane sul territorio

Prende il via la campagna nazionale “Segnala la frana”, nel quadro dell’intesa di collaborazione tra Consiglio Nazionale dei Geologi ed ISPRA. L'iniziativa nasce nell’ambito della nuova piattaforma nazionale IdroGEO sul dissesto idrogeologico in Italia realizzata da ISPRA nel Progetto "Statistiche ambientali per le politiche di coesione” del PON Governance e Capacità istituzionale 2014-2020.

Il 21 maggio scorso è partita la fase sperimentale che servirà per testare la piattaforma e che vedrà direttamente coinvolta la categoria dei geologi, oltre ai professionisti della Rete delle altre professioni tecniche, ai funzionari regionali e a quelli delle amministrazioni pubbliche. L’approccio è di tipo collaborativo e prevede l’impegno delle istituzioni ordinistiche per far in modo che tutti i professionisti geologi, in qualità di operatori e conoscitori del territorio, da un lato fruiscano del patrimonio di dati presenti nella piattaforma e dall’altro partecipino all’attività di segnalazione di nuove frane sul territorio in modo da contribuire ad implementare il quadro conoscitivo.

Si tratta di uno strumento innovativo di condivisione e diffusione dei dati a cui ha contribuito anche il CNG con la definizione dei parametri da inserire nella scheda di segnalazione di una nuova frana. La conoscenza del territorio rappresenta infatti il presupposto fondamentale per attuare efficaci politiche di prevenzione, mitigazione e gestione del rischio idrogeologico.

L’utilizzo della piattaforma prevede la possibilità di consultare, condividere e scaricare dati, mappe, e report sia dell’Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia, che delle mappe nazionali di pericolosità e di rischio per frane e alluvioni, attraverso interfacce grafiche di facile utilizzo che consentono di ottenere informazioni chiare e complete, mediante l’uso di diversi tipi di dispositivo (smartphone, tablet, desktop) e con la possibilità di condividerle anche sui social media.

È un utile strumento di supporto della programmazione degli interventi strutturali e non strutturali di difesa del suolo, della pianificazione territoriale, della progettazione preliminare delle infrastrutture, della gestione delle emergenze idrogeologiche e delle valutazioni ambientali.

Tra le funzioni più innovative la possibilità di estrarre dati e mappe su base nazionale, regionale, provinciale, comunale e sulla singola frana e di stimare gli elementi esposti a rischio frane e alluvioni (popolazione, famiglie, edifici, imprese) in modo multiscalare, in ambiti geografici predefiniti o su un’area disegnata dall’utente, oltre a segnalarne il proficuo utilizzo che l’APP può avere nel corso delle attività di campo legate alla pratica professionale.

Le informazioni circa l’utilizzo della piattaforma IdroGEO: fase di registrazione, navigazione, calcolo degli scenari e segnalazione delle frane, sono disponibili nella sezione https://idrogeo.isprambiente.it/app/page/docs e comprendono la documentazione tecnica, il manuale utente ed i video tutorial, che si raccomanda di leggere e seguire attentamente.

Leggi anche:


red/mn

(fonte: Consiglio Nazionale Geologi)